Network Marketing - Maurizio Dragano

  • Home
  • Network Marketing

Il Network Marketing è conosciuto anche come Multi Level Marketing. Nasce in America nell’Ottocento, ad opera di un chimico, Carl Rehnborg, fondatore della prima azienda basata su questa specifica strategia commerciale. Il Network Marketing si è diffuso in Europa e in Italia solo da qualche decennio, ma coinvolge migliaia di aziende nei più svariati settori. Solo in Italia, secondo i dati dell’osservatorio di Avedisco (Associazione delle più importanti aziende italiane ed estere che utilizzano la vendita diretta per la distribuzione dei loro prodotti/servizi) il volume d’affari in questo settore ha superato i 500 milioni di euro nel 2017 (sfiorando il +10% rispetto all’anno precedente) e oltre 200 mila operatori nel settore.

Cos'è

Il Network Marketing è una strategia commerciale e un metodo di lavoro. Esistono migliaia di aziende che operano sul mercato utilizzando questo sistema nel quale i rapporti interpersonali, le relazioni umane hanno la priorità, qualcosa che va oltre e supera lo sterile concetto di rapporto commerciale tra venditore e consumatore.

Il Network Marketing o Multi Level Marketing spesso vengono confusi con gli schemi piramidali, per alcune superficiali analogie fra i due modelli operativi. Ma si tratta, appunto, di semplici apparenze, che vengono sfatate immediatamente quando si entra in contatto con networker serie e professionali che utilizzano solo mezzi leciti per costruire il proprio business e la propria libertà finanziaria.

Le principali aziende

Una delle ricerche più popolari su internet è basata sulle keywords “aziende network marketing”. È evidente che c’è una forte curiosità in Italia intorno a questo tema, è palese il desiderio di saperne di più e in maniera più strutturata ed autorevole.

Qui ho raccolto un elenco di aziende che operano nel settore del network marketing, basandomi sui dati di fatturato (nel business contano quelli), ma anche su altri aspetti come la qualità dell’offerta, la customer satisfaction (anche del cosiddetto “cliente interno”, i collaboratori), la situazione di mercato e anche altri aspetti “intangibili”, su cui però al giorno d’oggi è importante che le aziende e i networker basino la propria attività. I più famosi sono AMWAY e VORWERK.

La normativa italiana

La legge italiana n. 173/2005 tratta tutte le forme lecite di vendita diretta, compreso il Network Marketing.

Il nostro sistema giuridico pone tassativi divieti alla creazione delle cosiddette strutture piramidali e Catene di Sant’Antonio varie. E questo è comprensibile ed anche abbastanza ovvio. Sono definite come illegali tutte quelle forme di associazione e di collaborazione che, come scritto nell’articolo 5 della legge, “configurano una possibilità di guadagno attraverso il puro e semplice reclutamento di altre persone e in cui il diritto a reclutare si trasferisce all’infinito previo il pagamento di un corrispettivo” o, ancora, all’articolo che vieta “al reclutato di corrispondere all’azienda somme di rilevante entità in assenza di una reale controprestazione al momento del reclutamento o per restare a far parte della struttura”.

Concludendo, un’azienda di network marketing seria e affidabile è in regola con questa legge!

Il networking oggi

Cambiano le mode, i trend si affermano e scompaiono, ma il networking è sempre lì, da quasi due secoli ormai. Alla base del Networking c’è sicuramente la spiccata e innata tendenza americana al self made man, un approccio alla vita e anche al business ‘leggermente’ differente da quello italiano. Ma sono sempre di più le persone, uomini e donne indistintamente, che, diventando networker hanno raggiunto una maggiore stabilità e libertà finanziaria.

Gli affari si fanno tra esseri umani, questo è un assioma economico valido dalla notte dei tempi. Oggi, grazie alle potenzialità e alle opportunità offerte dalla rete e dai social network, questo concetto si amplifica e si amplia in maniera esponenziale.

Per vendere occorre più ascoltare che parlare narrano le leggende sui migliori commerciali delle aziende tradizionali. Ciò è ancora più vero per quanto riguarda i networker: fateci caso, sono tutte persone che sanno ascoltare i bisogni degli altri, sanno risolvere problemi, sanno creare opportunità. In una parola sono leader, prima di tutto di se stessi e, quindi, anche degli altri.

E oggi, nel 2018, grazie alla tecnologia, di fatto la nostra rete commerciale potenzialmente non ha limiti e può arrivare a coinvolgere persone dai quattro angoli della Terra, tutti impegnati e focalizzati sul raggiungimento del medesimo obiettivo.

La vera sfida, la vera rivoluzione insita nel network marketing è la cura. La cura dei propri contatti, delle proprie relazioni ed amicizie, l’attenzione alle emozioni e ai bisogni degli altri, di chi ci sta accanto. Con un approccio più sociale che social al mondo che ci circonda.

Distinguere le truffe dalle opportunità

Un primo aspetto fondamentale da considerare è la presenza di un prodotto tangibile. Se poi questo prodotto apporta evidenti benefici (perdita di peso, miglioramento del benessere fisico della persona, ad esempio) sicuramente siamo di fronte ad un network marketing lecito. Entrare nel network, cioè nella rete di persone che si occupano della vendita di questo prodotto, sicuramente rappresenta un business. Inoltre il Network Marketing deve essere meritocratico per definizione!

"Successo non è solo quello che realizzi nella tua vita, ma anche ciò che ispiri nella vita degli altri".